Clicca qui per maggiori informazioni
         
         
         
         
 
24 Ottobre 2010
Prezzi bloccati da ottobre 2010 a marzo 2011

Gli obiettivi ed i contenuti dell'iniziativa

Ravenna nell'ultimo decennio ha conosciuto una fase positiva di sviluppo. Ce lo dicono non solo gli indicatori economici, ma anche fattori importanti come la dinamica dei consumi, l'aumento delle nuove professioni, la qualità dei servizi sociali, la domanda e l'offerta di cultura, la coesione sociale. La nostra città è insomma riuscita ad agganciare pienamente i trend di sviluppo dell’Emilia-Romagna e delle aree più dinamiche d'Italia e d'Europa. Tuttavia è altrettanto innegabile che anche un territorio come quello ravennate abbia avvertito gli effetti dell'ascesa costante del carovita che negli ultimi anni ha investito – seppur in maniera diversificata – tutto il nostro paese, dove si è verificato un aumento progressivo dei prezzi persino nei generi di prima necessità. Anche a Ravenna perciò si sono riscontrati fenomeni come la riduzione dei consumi alimentari, i tagli alle spese per il vestiario, per la cultura, per le ferie, nonché il "calo della spesa" nella terza e quarta settimana del mese. Tutti segnali che indicano una difficoltà sempre più diffusa, e in una fetta crescente di cittadini, ad arrivare alla fine del mese.

L'iniziativa che abbiamo denominato "BRAVA - Ravenna attenta ai prezzi" nasce proprio per dare risposte a queste problematiche individuando, per quanto possibile a livello locale, politiche e strumenti di lotta al caro vita. Con il coinvolgimento di tutti gli attori territoriali vogliamo fare la nostra parte, dando vita ad un vero e proprio "patto territoriale" con l'obiettivo di difendere il potere d'acquisto di famiglie e cittadini. È questa intenzione che ha portato alla sottoscrizione in data 4 dicembre 2006 di un protocollo d'intesa con la Camera di Commercio, le Associazioni di categoria e sindacali e le associazioni dei consumatori del territorio, per l'attivazione di un "Osservatorio dei prezzi" presso l'Ufficio Statistica Comunale e di un "Tavolo Tecnico" come sede di confronto. Se l'Osservatorio ha come obiettivo di monitorare, nel nostro Comune, l'andamento dei prezzi di un paniere di prodotti di largo e generale consumo, il Tavolo Tecnico vuole agevolare e coordinare lo scambio di informazioni, per contribuire a rendere chiari e trasparenti i meccanismi di formazione dei prezzi dei beni e servizi individuando, in modo responsabile e condiviso, le migliori soluzioni che a livello locale possono essere messe in atto per difendere il potere d'acquisto delle famiglie. Il Tavolo Tecnico, in particolare, sulla base di un'analisi delle principali esperienze avviate da altri comuni per la lotta al caro vita – per esempio la calmierazione dei prezzi, cioè prezzi bloccati, o kit di prodotti a prezzi scontati – è la sede deputata ad elaborare proposte che possano concretamente definire le soluzioni più efficaci per contenere i prezzi di beni e servizi, e per procedere ad un'analisi dei meccanismi di formazione dei prezzi a livello territoriale, ricercando strumenti di rilevazione/ricognizione dei prezzi dell'intera filiera.

Riteniamo che la ricerca concertata di iniziative contro il caro vita, possibile grazie all'attiva partecipazione di tutti i soggetti territoriali, costituisca un passo importante per individuare soluzioni realmente efficaci, in grado di dare un segnale alla comunità ravennate per affrontare un problema così rilevante per i cittadini e le imprese.


Il Sindaco
Fabrizio Matteucci
L'Assessore alla Programmazione Economica
Andrea Corsini
     
contatti crediti links